L'uso di CLINOPTILOLITE ettaroetico contribuisce a fornire una protezione efficace ad alberi e piante da varie malattie.

CLINOPTILOLITE

Zeolite sabbia 

ORTO - FRUTTETO - GIARDINO "Tutto al Naturale

La  zeolite ettaroetico  può  essere utilizzata come integratore minerale per il suolo, grazie alle sue numerose capacità  benefiche  sulle piante

Zeolite sabbia

Consulenze

Uso agricolo

ZEOLITE CLINOPTILOLITE PER USO AGRICOLO

Le zeoliti sono minerali di origine vulcanica, formatisi milioni di anni fa dall'incontro di lava incandescente ed acqua di mare.

La parola Zeolite significa “pietra che bolle” proprio per la sua caratteristica di liberare vapore acqueo dalla roccia quando sottoposta a riscaldamento.

La Zeolite Clinoptilolite trova numerose importanti applicazioni nella soluzione di problematiche di impatto ambientale.

È infatti dimostrata la sua efficacia nel trattamento di reflui da attività biologiche e industriali ad elevato contenuto di elementi inquinanti (Pb, Ba, Cr) , nella la depurazione di:

* acque di scarico civile, liquami zootecnici, allevamenti ittici;

* percolati di discariche per lo smaltimento di rifiuti solidi urbani reflui industriali

* nonché nel trattamento di fertilizzazione di terreni destinati alla coltivazione di verdure, ortaggi, ecc…

Applicazione in agricoltura

 

 Uno dei più promettenti settori applicativi della zeolite clinoptilolite ettaroetico è quello agronomico e floristico.

Dalle sperimentazioni finora condotte sia in serra sia in campo aperto è emerso che la correzione dei terreni con appropriate percentuali di zeolite clinoptilolite ettaroetico si traduce in un importante risparmio di fertilizzanti chimici e concimi nonché di acqua per l’irrigazione e in un importante aumento sia della quantità, sia della qualità della produzione.

 

Una volta aggiunta al terreno, la zeolite clinoptilolite , naturale o arricchita che sia, svolge le seguenti funzioni:

* cede gradualmente il potassio contenuto nelle cavità strutturali;

* cattura gli elementi nutritivi apportati da fertilizzanti e concimi e li rilascia gradualmente;

* neutralizza gli eccessi di acidità;

* rallenta la cosiddetta retrogradazione del fosforo, ossia la progressiva trasformazione del fosfato monocalcico, concime comunemente utilizzato in agricoltura, in fosfato tricalcico, composto insolubile che si accumula nel terreno favorendo a lungo andare la formazione di croste superficiali o sub-superficiali;

* favorisce la rimobilizzazione del fosforo già presente nel terreno sotto forma di fosfato tricalcico.

 

 

Oltre alle funzioni elencate, la zeolite clinoptilolite ettaroetico aumenta la capacità di ritenzione idrica dei terreni, ne mantiene il grado di permeabilità ed attenua l’escursione termica giornaliera, e se aggiunta a terreni prevalentemente argillosi, ne incrementa il grado di aerazione e di permeabilità.

 

TIPI DI FORNITURA

* Sacchi da 25 kg palettizzati

* Maxi confezioni / big bang

* Sacchetto da 1 kg

* Barattolo da 650 gr

 

CONSERVAZIONE

* Su pedane, in luoghi asciutti e chiusi, lontano da sole e umidità.

 

Per ulteriori chiarimenti l’ufficio tecnico della ettaroetico e’ a vostra completa disposizione.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Prenota una consulenza

Utilizzo generico

CARATTERISTICHE
La Zeolite ettaroetico è un minerale sedimentario di origine vulcanica composta principalmente da Ossido di Silicio e Ossido di Alluminio. La caratteristica fondamentale della zeolite clinoptilolite ettaroetico è la presenza di moltissimi spazi vuoti all’interno della struttura, che consentono numerosi fenomeni fisici, quali la possibilità di un elevatissimo scambio di cationi, e la caratteristica di assorbire notevoli quantitativi di acqua, che poi cede, al variare delle temperature, funzionando alla stregua di una spugna. Questa caratteristica può essere sfruttata con efficacia per ridurre drasticamente l’umidità presente sulle piante, creando un ambiente sfavorevole allo sviluppo di malattie fungine. Inoltre, la particolare composizione mineralogica del prodotto, consente di rompere il “velo d’acqua”, che si instaura sulle piante, velocizzando il processo di asciugatura. I due modi di azione, quindi, consentono una più veloce asciugatura della pianta e la creazione di un ambiente ostile alla proliferazione di patogeni quali ad esempio la Botrite. Inoltre, proprio per la caratteristica di “asciugare” rapidamente l’ambiente circostante, ha un’ottima efficacia cicatrizzante nei confronti delle micro ferite, che sono una delle principali vie di infezione. L’elevata capacità di scambio cationico (217 meq/100 g) inoltre permette di catturare notevoli di quantità di molecole indesiderate che possono essere presenti sulla pianta, quali ad esempio metalli pesanti. L’azione della zeolite ettaroetico è esclusivamente di tipo fisico-meccanico, e non interferisce con la normale fisiologia della piante. Il prodotto subisce una micronizzazione molto elevata (particelle inferiori a 50 micron), che permette una uniforme copertura sulla pianta e ne incrementa l’efficacia.

CAMPI DI APPLICAZIONE E DOSI
Trattamenti polverulenti: alla dose di 100/150 kg/ha di prodotto, anche in miscela con altri prodotti utilizzati normalmente con tale metodo (Es. Zolfo). Trattamenti con irroratrice: alla dose di 2-5 kg/ per L 600 di acqua anche in miscela con agrofarmaci (es. rame, zolfo, ecc.). Può essere utilizzata su tutte le colture. La zeolite può essere altresì impiegata a dosi variabili, all’interno di compost, di terricci di coltivazione, nella produzione di pasta per spennellature ai tronchi, nelle preparazioni biodinamiche.

AVVERTENZE
Se impiegata con irroratrici: riempire il serbatoio per circa la metà, accendere gli agitatori, introdurre il prodotto, mantenere gli agitatori attivi durante tutto il tempo di trattamento.

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Zeolite

La difesa naturale testata per contrastare la Botrytis cinerea. Zeolite ettaroetico è un corroborante da usare in accumulo dai primi trattamenti alla pre chiusura grappolo alla maturazione e per la conserva- zione del grappolo.

Disidratazione reversibile: la sua particolare struttura formata da canali e cavità offre volumi e ampie superfici interne attive per l’assorbimento delle molecole di acqua anche a bassa concentrazione  e le cede in seguito a riscaldamento con deboli o nulle modifiche alla sua impalcatura cristallina. In pratica regola l’umidità sulle piante riducendo drasticamente i problemi che derivano  da un eccesso di umidità, quali ad esempio la Botrytis cinerea, contrastando le condizioni naturali  per il suo sviluppo.

Zeolite ettaroetico è un corroborante induttore di resistenza consentito in agricoltura biologica ai sensi dei regolamenti CE 834/2007 e 889/2008 e del DM 27 novembre 2009.

Zeolite ettaroetico  distribuita dalla pre chiusura grappolo alla maturazione nella dose di 350 kg per ettaro, su un vigneto colpito da botrytis cinerea con un attacco del 56%, ha dimostrato un grado di azione dell’ 80% circa rispetto al testimone non trattato; con un attacco su grappolo del 27% della sua super- fice ha dimostrato un grado di azione del 75%.

Perché trattare?

Perché usare Zeolite ettaroetico in pre chiusura grappolo?

Le spore dei funghi, tipo la botrytis cinerea, sono presenti durante tutte le fasi vegetative della vite e si sviluppano in funzione delle condizioni climatiche favorevoli. Diventa quindi fondamentale trattare preventivamente dalle prime fasi vegetative in modo tale da applicare la Zeolite ettaroetico  sulle superfici che in futuro saranno difficilmente raggiungibili e trattabili e dove paradossalmente è più facile uno sviluppo di muffe.

Perché continuare a trattare con Zeolite ettaroetico ?

Zeolite ettaroetico aumenta la sua efficacia accumulandosi sulle superfici di contatto e può essere usata fino al momento del raccolto, perché non lascia residui.

Effetto cicatrizzante: le ife della muffa grigia per generare nuovi miceli e per dare origine a nuove generazioni i di funghi penetrano nei tessuti vegetali degli acini attraverso micro lesioni presenti su essi. Zeolite ettaroetico  grazie alle sue proprietà chimico fisiche asciuga i tessuti umidi superficiali con cui viene a contatto formando una vera e propria cicatrice e quindi offrendo meno opportunità alla muffa di prolificare  e di dare origine all’infezione.

Azione meccanica: grazie alla elevata micronizzazione della Clinoptilolite ettaroetico, la Zeolite ettaroetico si presenta come dei microscopici cristalli che distribuita sulla coltura ha un alto potere coprente e forma materialmente un habitat ostile alle ife che cercano di insidiarsi nei tessuti creando una vera barriera meccanica ostacolando il prolificarsi del micelio.

Tipo di trattamento : Trattamenti polverulenti

Dosi e modalità di impiego: utilizzare 100 kg/ha di Zeolite ettaroetico,per ogni trattamento

Tipo di trattamento: Trattamenti in acqua

Dosi e modalità di impiego: utilizzare ,L 600 di acqua aggiungere  5 kg/ha di Zeolite ettaroetico disperso da solo o in aggiunta con i concimi o con gli agrofarmaci normalmente impiegati

Trattamento vite

La difesa naturale testata per contrastare la Botrytis cinerea. Zeolite ettaroetico è un corroborante da usare in accumulo dai primi trattamenti alla pre chiusura grappolo alla maturazione e per la conserva- zione del grappolo.

Disidratazione reversibile: la sua particolare struttura formata da canali e cavità offre volumi e ampie superfici interne attive per l’assorbimento delle molecole di acqua anche a bassa concentrazione  e le cede in seguito a riscaldamento con deboli o nulle modifiche alla sua impalcatura cristallina. In pratica regola l’umidità sulle piante riducendo drasticamente i problemi che derivano  da un eccesso di umidità, quali ad esempio la Botrytis cinerea, contrastando le condizioni naturali  per il suo sviluppo.

Zeolite ettaroetico è un corroborante induttore di resistenza consentito in agricoltura biologica ai sensi dei regolamenti CE 834/2007 e 889/2008 e del DM 27 novembre 2009.

Zeolite ettaroetico  distribuita dalla pre chiusura grappolo alla maturazione nella dose di 350 kg per ettaro, su un vigneto colpito da botrytis cinerea con un attacco del 56%, ha dimostrato un grado di azione dell’ 80% circa rispetto al testimone non trattato; con un attacco su grappolo del 27% della sua super- fice ha dimostrato un grado di azione del 75%.

Perché trattare?

Perché usare Zeolite ettaroetico in pre chiusura grappolo?

Le spore dei funghi, tipo la botrytis cinerea, sono presenti durante tutte le fasi vegetative della vite e si sviluppano in funzione delle condizioni climatiche favorevoli. Diventa quindi fondamentale trattare preventivamente dalle prime fasi vegetative in modo tale da applicare la Zeolite ettaroetico  sulle superfici che in futuro saranno difficilmente raggiungibili e trattabili e dove paradossalmente è più facile uno sviluppo di muffe.

Perché continuare a trattare con Zeolite ettaroetico ?

Zeolite ettaroetico aumenta la sua efficacia accumulandosi sulle superfici di contatto e può essere usata fino al momento del raccolto, perché non lascia residui.

Effetto cicatrizzante: le ife della muffa grigia per generare nuovi miceli e per dare origine a nuove generazioni i di funghi penetrano nei tessuti vegetali degli acini attraverso micro lesioni presenti su essi. Zeolite ettaroetico  grazie alle sue proprietà chimico fisiche asciuga i tessuti umidi superficiali con cui viene a contatto formando una vera e propria cicatrice e quindi offrendo meno opportunità alla muffa di prolificare  e di dare origine all’infezione.

Azione meccanica: grazie alla elevata micronizzazione della Clinoptilolite ettaroetico, la Zeolite ettaroetico si presenta come dei microscopici cristalli che distribuita sulla coltura ha un alto potere coprente e forma materialmente un habitat ostile alle ife che cercano di insidiarsi nei tessuti creando una vera barriera meccanica ostacolando il prolificarsi del micelio.

Tipo di trattamento : Trattamenti polverulenti

Dosi e modalità di impiego: utilizzare 100 kg/ha di Zeolite ettaroetico,per ogni trattamento

Tipo di trattamento: Trattamenti in acqua

Dosi e modalità di impiego: utilizzare ,L 600 di acqua aggiungere  5 kg/ha di Zeolite ettaroetico disperso da solo o in aggiunta con i concimi o con gli agrofarmaci normalmente impiegati

Consulenze

L'azienda è a vostra disposizione   per informazioni commerciali e per consulenze florovivaistiche  per chiunque intenda realizzare degli interventi di sistemazione/creazione di un parco o un giardino/ giardino in movimento,consulenza per agricoltori con metodo biologico/biodinamico

Prenota una consulenza